Pettineo, progetto culturale riservato agli “amici speciali”

Partito martedì a Pettineo il progetto "Un progetto culturale anche per noi" (dedicato ai Diversamente abili) con letture dedicate e laboratori di creatività

12 Febbraio 2021 12:59

“Un progetto culturale anche per noi” (dedicato ai Diversamente abili) questo è il nome del progetto ideato dall’Assessorato alla Cultura di Pettineo che ha avuto inizio mercoledì 10 febbraio 2021alle ore16,30 attraverso il collegamento dalla pagina Facebook del Comune di Pettineo Biblioteca comunale.

L’inedito progetto culturale, è iniziato con la lettura di un testo dedicato, a cura di Rossella Muratore, cui è seguito un interessante tutorial il primo di un apposito Laboratorio virtuale, che ha lo scopo di suscitare interesse e affinare la manualità con la realizzazione di piccoli oggetti utilizzando materiali di riciclo.

Grazie al recente finanziamento ottenuto dal MIBACT sono stati acquistati anche dei libri destinati ai “ragazzi Speciali” da cui scaturisce l’imput a dare vita a questo Progetto, temporaneamente online a causa dell’emergenza Covid, per far si che i libri “Patrimonio culturale di tutti”, possano essere fruibili, anche virtualmente e da cui ciascuno può trarne sensazioni, emozioni e arricchimento.

Il coinvolgimento dei nostri ragazzi alle iniziative culturali, commenta l’assessore alla cultura Maddalena Rizzo, è dettato da un dovere etico che spinge alla socializzazione, all’integrazione e perchè no all’inserimento nel mondo del lavoro”.

Il progetto per i nostri ragazzi affettuosamente definiti “Amici Speciali”, continua l’assessore Rizzo, propone letture a tema, la diretta Facebook dalla Biblitoeca comunale e la partecipazione ad un “Laboratorio e Fucina di simpatioche idee” a cura della psicologa Isabella Storniolo, con esperienza nel volontariato rivolto a persone con disabilità, attraverso appositi tutorial, vengono creati piccoli oggetti con materiale di riciclo e anche preparate delle pietanze in modo da favorire la manualità, lo sviluppo cognitivo e lo spirito di sana competizione dei partecipanti”.

Nel corso degli incontri i genitori dei ragazzi vengono invitati ad affiancare i figli e vengono anche ricordate alcune festività che ricadono nel periodo del progetto e quindi il Carnevale, la Festa di santa Oliva, la Festa della Donna, La Santa Pasqua, la festa della Mamma e tante altre ancora.

Concludo, dichiara Maddalena Rizzo, che questo progetto possa essere solo un momento di relax per i nostri “Amici Speciali” e che proprio in questo momento critico non abbiano ad adagiarsi alla insolita quotidianità”.