Troppe criticità presso l’ospedale di Mistretta, la denuncia della CISL-FP

Troppe carenze e troppe criticità presso il SS Salvatore di Mistretta, la denuncia della CISL-FP

16 Luglio 2021 10:01

Con una lettera inviata ai vertici della sanità provinciale di Messina la sigla sindacale Cisl-FP denuncia le troppe criticità che attanagliano l’ospedale SS Salvatore di Mistretta.

La missiva, datata 12 luglio 2021 e firmata dal Referente Aziendale Cisl Fp Gioacchino D’Agostino e dal Responsabile Organizzativo Cisl Fp Giovanna Bicchieri, si apre con testuali parole:

Con la presente siamo a reiterarVI la richiesta di un incontro urgente per discutere la grave situazione in cui
versa l’Ospedale di Mistretta.
Infatti, è notizia di questi giorni che un’ unità di Chirurgo del suddetto Nosocomio si è dimesso per prestare
servizio presso un’ altra ASP.
Ciò comporta il fatto che ad oggi sia rimasto in servizio un solo Medico Chirurgo e dunque ci si vede
costretti, frequentemente, a trasportare i pazienti, anche per una semplice consulenza, presso altri
Ospedali.

Tale circostanza, continua la lettera della sigla sindacale, potrebbe mettere a serio rischio tutti i processi di Diagnosi e Cura non solo del Pronto Soccorso (cosa già grave) ma anche delle UU.OO. di Medicina e Lungodegenza, nonché l’assistenza chirurgica erogata ai degenti dell’ICS Maugeri dotata di ben 36 posti letto.
A rendere ancora più problematica la situazione generale è la recente chiusura della Farmacia Ospedaliera
per assenza dello specialista (al quale non è stato rinnovato il contratto giunto al termine), proprio a causa
della mancata stabilizzazione in tempi utili, per cui la farmacia Ospedaliera, che approvvigiona anche il
territorio del Distretto, sarà aperta solo nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.
Inoltre abbiamo già chiesto, senza purtroppo ricevere alcun riscontro, l’apertura di un dialogo costruttivo
sulla convenzione siglata tra l’ASP di Messina e l’ Ospedale Giglio di Cefalù, per informare correttamente i
lavoratori sulle possibili illazioni che essa determinerà.

Riteniamo altrettanto, scrivono i sindacalisti necessario aprire in tempi celeri un confronto per essere portati a conoscenza delle strategie aziendali che riguardano il Nosocomio Amastratino, per esplicitare le numerose criticità di seguito elencate:

  • Carenza di personale Medico Anestesista (2 presenti);
  • Carenza di personale Medico di Chirurgia;
  • Carenza di personale Medico Radiologo (3 presenti), spesso nei giorni festivi e nei notturni il servizio
    viene assicurato (!) in Teleradiologia;
  • Carenza di personale Medico nelle UU. OO. di Medicina e Lungodegenza;
  • Carenza di personale Medico di Pronto Soccorso;
  • Carenza di personale Medico di Cardiologia con frequente ricorso alla Telecardiologia;
  • Carenza di personale Dirigente Farmacista;
  • Carenza di personale Ausiliario che potrebbe compromettere una sanificazione decente in questo
    periodo di Pandemia.
    Da ultimo, nell’ esprimere profonda preoccupazione per la sicurezza dei pazienti e dei lavoratori afferenti
    all’Ospedale di Mistretta, non vorremmo mai ipotizzare che possano venire meno le condizioni per la
    sopravvivenza dell’ ICS Maugeri e dell’U.O. di Urologia dell’Ospedale Giglio.
    Pertanto, per quanto sopra esposto, chiediamo un incontro indifferibile con i vertici aziendali al fine di
    risolvere le questioni evidenziate e di assicurare all’intera comunità un clima di serenità e di assoluta
    certezza sul mantenimento dei LEA e dell’ auspicata qualità dell’assistenza sanitaria erogata
    “, con queste parole si conclude la lettera della Cisl-FP