ospedale mistretta 1280x720 1

Si torna ad operare al SS Salvatore di Mistretta grazie alla convezione tra “Giglio” e Asp di Messina

Ad aprile era stata firmata la convenzione tra Asp di Messina e Giglio di Cefalù ed oggi al SS Salvatore le sale operatorie tornano attive con interventi di urologia

15 Ottobre 2021 11:39

Da questa mattina le sale operatorie dell’Ospedale SS Salvatore di Mistretta sono di nuove attive e funzionanti dopo ben 5 anni. Infatti, già intorno alle ore 8:00 sono partite le operazioni di tipo urologico per ben 8 pazienti che sono stati sottoposti a intervento da un’ equipe medica del “Giglio” di Cefalù, mentre il personale infermieristico all’interno della sala operatoria è stato messo a disposizione dall’Asp 5 di Messina.

Una buona notizia per il nosocomio amastratino in quando questo servizio è assicurato grazie alla firma di una convenzione tra l’Asp messinese e l’ospedale Giglio di Cefalù. I lavori per la sistemazione delle sale operatorie, inutilizzate da anni, sono quindi terminati e oggi si è tornato ad operare a Mistretta.

La convenzione è stata firmata lo scorso 28 aprile e quindi adesso quello che è stato messo nero su bianco è diventato attuale con i primi pazienti operati e un servizio in più per un ospedale che in questi anni ha sofferto per i troppi tagli e il depotenziamento subiti.

L’ospedale di Mistretta ha potuto contare sin da subito sull’apporto degli specialisti di urologia che oggi hanno iniziato i loro intereventi chirurgici presso il nosocomio.

Ad annunciare che al SS Salvatore si sarebbe tornato ad operare da oggi 15 ottobre era stato anche il sindaco di Tusa Luigi Miceli durante l’evento “VaccinArte” con queste parole: “Abbiamo chiesto a gran voce, in questi anni, di rilanciare il nosocomio di Mistretta, fondamentale per i comuni del comprensorio. Le nostre continue richieste cominciano finalmente a ottenere dei risultati: venerdì 15 ottobre dovrebbe essere riaperta la sala operatoria del reparto di urologia, con il primo intervento, grazie alla convenzione tra l’Istituto Giglio di Cefalù e l’Asp di Messina” “È un risultato importantissimo, conclude Miceli, che premia le amministrazioni locali che volano alto. Il territorio deve muoversi organicamente, la scommessa delle nostre aree è potenziare i servizi”

Giuseppe Cuva