Palermo ricorda il martirio di don Pino Puglisi, la storia di un uomo che ha sfidato la mafia e ha vinto seppur rinunciando alla sua vita nel nome di un ideale

Il 15 settembre ricorre l'anniversario della morte di Don Pino Puglisi

15 Settembre 2020 11:22

Non sono un biblista, non sono un teologo, né un sociologo, sono soltanto uno che ha cercato di lavorare per il Regno di Dio”, diceva di sé don Pino Puglisi, sacerdote di frontiera nel difficile quartiere Brancaccio di Palermo, segnato da degrado, mancanza di lavoro e illegalità. Parroco della chiesa di San Gaetano, Per salvare i ragazzi, si mise contro la mafia ed aprì il Centro Padre Nostro. Fu questa la sua condanna, questo il pretesto che portò i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano a farlo giustiziare. Venne raggiunto mentre, sceso dalla sua auto, si dirigeva al portone di casa. Al suo assassino disse: “Me lo aspettavo”. Padre Puglisi sapeva di essere ormai nel mirino della mafia per la sua opera contro la criminalità organizzata, parlando ai giovani, togliendo la bassa manovalanza alla delinquenza. Eppure, come ha ricordato Papa Francesco due anni fa, in occasione della visita pastorale a Palermo per il 25.mo del martirio del Beato Giuseppe Puglisi, “Quando morì nel giorno del suo 56.mo compleanno, coronò la sua vittoria col sorriso, con quel sorriso che non fece dormire di notte il suo uccisore, il quale disse: “C’era una specie di luce in quel sorriso”. “Padre Pino – ha proseguito il Pontefice – era inerme, ma il suo sorriso trasmetteva la forza di Dio: non un bagliore accecante, ma una luce gentile che scava dentro e rischiara il cuore. È la luce dell’amore, del dono, del servizio”. Ventisette anni dopo, l’amore di don Pino per i suoi parrocchiani, per Palermo, è cresciuto, si è moltiplicato: una scuola media intitolata a padre Puglisi, un campo di calcetto, l’attesa per la realizzazione dell’asilo “I piccoli di Padre Puglisi, il sogno di don Pino, e l’erigendo santuario dedicato al Beato. Tutto nel quartiere Brancaccio.