La commissione storica giura e inizia il suo lavoro

Giovedì 2 agosto 2018 presso la sede della curia vescovile della diocesi di Patti il vescovo mons. Guglielmo Giombanco ha proceduto a formalizzare la commissione storica per procedere all’apertura della causa di beatificazione e canonizzazione di padre frate Francesco da Mistretta, martire in Etiopia nel 1668.

Questa commissione storica era già istituita qualche mese fa sempre alla presenza del vescovo e ieri i componenti di suddetta commissione hanno effettuato un giuramento con cui hanno affermato di effettuare una serie di ricerche storiche, archivistiche oltre a quelle già fatte con testimonianze, documenti, manoscritti, immagini che riguardano la figura di questo che possiamo chiamare già Servo di Dio il cui martirio è un dato di fatto.

La commissione storica è composta da mons. Michele Giordano, presidente di diritto e arciprete di Mistretta, da padre Stefano Brancatelli sacerdote che ha scritto,sulla figura di padre Francesco da Mistretta, un libro intitolato “ Il Signore ci conduce come Madre” dove già c’è un lavoro importantissimo e abbastanza dettagliato, poi nella commissione si annovera un’eminente figura di storico, di teologo, di professore teologia, di esperto nazionale di archivistica e di storia che è padre Gaetano Zito originario di Troina, esperto della Diocesi di Nicosia, a Catania è molto conosciuto e ha partecipato a livello nazionale ad importantissimi convegni sull’archivistica, infine a comporre la commissione c’è il professore Sebastiano “Tatà” Lo Iacono in qualità di esperto di piccola storia locale. Lo Iacono nel 2009 insieme all’architetto Mariano Bascì hanno riportato alla luce una cartolina storica degli anni 20, periodo fascista, in cui vi era ritratto il martirio di Fra Francesco da Mistretta e di frate Ludovico da Laurenzana.

Successivamente sono stati trovati altri documenti, altre lettere del racconto del viaggio di questo frate che è partito dall’Italia per arrivare in Abissinia fino a quando è stato martirizzato da cristiani copti proprio in Etiopia, sempre in Odium Fidei. Quindi una volta effettuato il giuramento i componenti della commissione storica si sono impegnati per portare avanti questa importante ricerca. Mons. Michele Giordano ha contattato la congregazione delle cause dei santi e per alcuni aspetti, come per esempio il Martirio,  è in discesa, per altri,come la ricerca che è ancora in divenire, è ancora in salita perché si devono ancora ricercare documenti e fonti storiche dai francescani a Messina e  tale ricerca deve essere allargata addirittura in Etiopia dove si potrebbero trovare altre fonti storiche su questa vicenda. Il vescovo Giombanco quindi ha benedetto i componenti della commissione storica che dopo il giuramento si sono messi subito al lavoro per continuare la ricerca e il percorso della causa di beatificazione di Fra Francesco da Mistretta.

Giuseppe Cuva