Motta d’Affermo, donna aggredita da maiali selvatici

Continua l'emergenza in Sicilia dovuta alla presenza di cinghiali e maiali selvatici che spesso aggrediscono l'uomo

15 Luglio 2020 17:43

Quella dei suidi, cinghiali, suini neri e maiali selvatici in genere sta diventando una vera e propria emergenza in tutta la Sicilia in particolare nella zona tra le Madonie e i Nebrodi.

Questa mattina una signora mentre si trovava nell’orto all’interno della sua proprietà in contrada “Giardino” a Motta d’Affermo si è vista circondata da maiali selvatici, alcuni anche con i cuccioli. La signora, racconta, si è trovata da sola in mezzo agli animali che non sembravano avere buone intenzioni fortunatamente il tempestivo intervento del figlio ha fatto fuggire i suini tra le campagne, ma la paura resta. Infatti, come racconta lo stesso giovane imprenditore agricolo mottese che ha salvato la madre dall’aggressione dei maiali, è da molti anni che nelle campagne si vive col terrore di essere attaccati dai suini selvatici, dai cinghiali ai maiali neri, ci sono tutti, dice. Il giovane racconta che l’invasione di questi animali è avvenuta negli anni scorsi quando ci sono stati gli incendi nei boschi tra Nebrodi e Madonie e i maiali in cerca di cibo si sono riversati nelle campagne. Inizialmente, continua il ragazzo, quando sentivano rumori o le voci degli uomini scappavano adesso invece sembrano essersi abituati e oltre a non temere più la presenza dell’uomo distruggono intere coltivazioni frutto di sacrifici e di duro lavoro. In tutto ciò si deve ricordare che i cinghiali e i maiali selvatici diventano molto aggressivi quando c’è presente la prole e per proteggere i loro piccoli non disdegnano di attaccare l’uomo. Il giovane mottese e la propria madre stanchi di questa situazione chiedono a gran voce che si intervenga al più presto possibile per risolvere un problema che si fa molto grave e temono che si agirà in tal senso solo quando succederà qualcosa di grave.

Nei giorni scorsi anche un uomo di Castel di Lucio è stato aggredito da circa 20 esemplari di suidi, non si sa se cinghiali o maiali dei Nebrodi, e solo l’intervento del suo cane ha scongiurato un epilogo che poteva essere anche drammatico. In tanti si sentono preoccupati per la situazione, molti chiedono anche l’abbattimento di un numero di cinghiali e di maiali selvatici che oltre a provocare danni alle colture attaccano con frequenza l’uomo e a Cefalù è arrivata nelle mani del sindaco anche una petizione di alcuni residenti che chiedono un intervento delle autorità.