Acitrezza: Memorial Lilli Blanco mostra collettiva di pittura

Si è conclusa domenica sera la mostra collettiva di pittura in onore di Lilli Blanco, cara amica, artista poliedrica e raffinata scomparsa prematuramente qualche mese  fa. Il marito Mario Porrello attraverso la sua associazione Amastray Art ha voluto fortemente ricordare la moglie attraverso questa splendida mostra collettiva dove artisti di ogni genere e caratura hanno  partecipato in massa leggendo le poesie della cara Lilli e ricordandola in ogni suo lavoro.

Liliana per tutti Lilli è una “creativa che dipingeva e scriveva nutrendosi di immagini e parole.

Molti quadri di Lilli sono vegetali e naturali: in tante sue tele ci sono le piante, le foglie, i fiori, il cielo ma soprattutto, c’è il mare. Il mare è donna. Lilli è il mare. E mi piace parlare al presente perché Lilli con le sue opere è e resterà sempre qui con noi.

Lilli ha una capacità di penetrare a livello estetico-emozionale così empatica da farla immedesimare negli altri: nel dolore siciliano delle donne e con le donne che lottano per spazi di identità e di libertà ancora negati, ma anche con le cose inanimate come il mare, spazio aperto che prende vita.

Lilli pittrice è anche poetessa e narratrice[1].  Non c’è un suo quadro che non abbia un testo poetico.

Secondo il pensiero di Lilli si può catturare il sole dentro una conchiglia; il sale non è privo di dolcezza, le cicatrici si risanano e ognuno di noi ha un paio di ali per volare; si può dipingere anche sul muschio, sui sassi della spiaggia, sul fango o sull’argilla: perché (onde lasciare un segno non dimenticabile) anche l’inverno ha una speranza…

Rosalinda Sirni