Servizio asilo nido a Mistretta, la Commissione Straordinaria risponde alla lettera delle mamme

La Commissione Straordinaria risponde alla missiva di un gruppo di mamme che lo scorso 7 aprile chiedeva chiarimenti sul servizio asilo nido

26 Aprile 2021 12:31

La commissione straordinaria del comune di Mistretta risponde, attraverso una lettera, al gruppo di mamme che, lo scorso 7 aprile, aveva scritto e protocollato una nota al comune per avere lumi sulla situazione inerente il servizio asilo nido, fermo da quasi un anno e sulla collocazione dell’USCA proprio nei locali in cui viene ospitato l’asilo.

In riferimento alla lettera del 7 corrente mese, scrive la commissione, si rileva che preliminarmente che l’attuale stato di emergenza epidemiologica, che caratterizza questo territorio con connotati molto critici per la declaratoria di zona rossa, postula l’esigenza della tutela della salute, quale interesse pubblico prioritario da perseguire, e ciò anche rispetto ad altri bisogni/interessi, quale quello riconducibile all’apertura dell’asilo nido”

” In questa prospettiva, infatti, la Commissione straordinaria con deliberazione richiamata alla nota che si riscontra e a seguito di specifica richiesta dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina del 14/12/2020, volta ad avere la disponibilità dei locali idonei ad ospitare la sede del servizio di Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA), ha disposto di approvare specifica convenzione per la concessione in comodato d’uso di locali destinai a tale servizio di importanza strategica per il contrasto alla nota pandemia in tutto il comprensorio nebroideo”.

E’ di tutta evidenza, peraltro, continua la nota dei Commissari, come l’attivazione di tale presidio a tutela della salute pubblica, non rechi pregiudizio ad altri servizi comunali“.

L’individuazione dei locali è stata condivisa e concordata direttamente con l’ASP e si ritiene che debba comprendersi che non ogni qualsivoglia locale o immobile possa ritenersi idoneo allo svolgimento di un servizio di siffatta importanza strategica per la salute collettiva”.

“In merito al servizio asilo nido, scrivono, si rileva che questa Commissione Straordinaria è stata ed è sempre attenta ai bisogni che provengono dalla comunità”.

Risulta infatti, si legge nella lettera, che gli uffici comunali hanno diramato a suo tempo avvisi pubblici tendenti a ricevere manifestazioni di volontà da parte dei genitori interessati all’attivazione di detto servizio per i propri figli. In concreto non sono pervenute un numero di istanze tali da ritenere necessaria l’attivazione del servizio”

Non solo questo, ma lo svolgimento delle attività demandate all’USCA e la continuità del servizio dell’asilo nido, non avrebbero compromesso una eventuale attivazione dello stesso, qualora fossero pervenute le necessarie richieste, peraltro limitate ad un numero talmente esiguo da non giustificarne l’apertura, anche dal punto di vista dell’economicità dei costi”.

Si preannuncia, concludono i commissari Poletti, Oddo e Lapunzina, che già dal prossimo mese di giugno verrà nuovamente diramato l’avviso tendente a ricevere istanze da parte dei genitori interessati per i propri figli a fruire dell’asilo nido. L’ Amministrazione comunale si riserva la facoltà di valutare la necessaria sussistenza dei presupposti per l’attivazione del relativo servizio”.