1200px PettineoPanorama1

Pettineo, il comune lancia il progetto case a 1 euro

L’Amministrazione Comunale di Pettineo dà l’avvio ufficiale al progetto che mira al recupero e alla valorizzazione degli immobili oggi inutilizzati, al fine di restituirli alla loro funzione, abitativa o anche per finalità turistico ricettive.

9 Ottobre 2021 10:52

Dopo l’adozione lo scorso 22 luglio 2021 della delibera di Consiglio con cui è stato approvato il regolamento “case a 1 euro”, adesso con la pubblicazione dell’avviso rivolto ai proprietari di abitazioni, l’Amministrazione Comunale di Pettineo dà l’avvio ufficiale al progetto che mira al recupero e alla valorizzazione degli immobili oggi inutilizzati, al fine di restituirli alla loro funzione, abitativa o anche per finalità turistico ricettive.

Il Comune di Pettineo vuole in questo modo cercare di arginare il fenomeno dello spopolamento che si sta registrando oramai da diversi anni a questa parte, fenomeno che ha determinato una significativa diminuzione della popolazione, consentendo, recupero del tessuto urbanistico – edilizio del piccolo centro e la sua rivitalizzazione abitativa, commerciale, artigianale che possano dare un maggiore input all’economia locale.

In questi anni di mandato amministrativo, si è lavorato tanto e si continua a lavorare per incrementare l’appeal del centro storico, rispettando l’armonia tra paese e paesaggio, salvaguardando patrimonio e valore storico-culturale. Il lancio del progetto, ha come obiettivo quello di valorizzare e privilegiare edifici esistenti ed evitare nuove cementificazioni, migliorando il contesto abitativo, per riappropriarci della nostra identità culturale, riqualificare i nostri piccoli centri abbandonati, è la strategia per riacquistare la STORIA che hanno vissuto, che è anche la nostra STORIA, che ci consente di ricordare il passato, capire il presente e vivere al meglio il nostro domani” ha dichiarato il Sindaco Domenico Ruffino. “Pettineo, “Paese degli ulivi secolari” e del “Limone in Seccagno”, ha tutte le potenzialità per farsi conoscere ed apprezzare oltre i nostri confini, e questa è la strada giusta per riuscirci”.

Tante le richieste di informazioni giunte fino ad oggi tramite e-mail da ogni parte del mondo da persone che sarebbero interessate al progetto, questo ha contributo a motivare ancor di più gli amministratori che adesso confidano in una analoga risposta da parte dei proprietari; gli stessi infatti auspicano che altrettante innumerevoli offerte giungano da parte dei venditori per poter esporre le case in vetrina e poter quindi permettere la piena riuscita del progetto.

Il Comune sarebbe così nella condizione di svolgere il ruolo di intermediario tra venditori e acquirenti, pubblicizzando le abitazioni sul proprio sito internet e attraverso altri siti specializzati in analoghi progetti, progetti che già hanno riscosso molto successo in diversi altri Comuni di Italia.

Un’importante misura, che ha come scopo, far conoscere il nostro paese anche all’estero e cercare così di riuscire a trovare investitori stranieri che siano disposti ad acquisire vecchie abitazioni a prezzi simbolici, per poi ristrutturarle e riportarle quindi al loro originale splendore” dichiara l’assessore al Turismo Mariolina Sanguedolce, “l’insediamento di persone estere, nel nostro piccolo borgo, non rappresenta solo ricchezza economica, ma è anche ricchezza di un interscambio culturale, una maggiore opportunità di confronto tra usi, costumi e tradizioni diverse, una possibilità di crescita, conoscenza e confronto per le vecchie ma soprattutto per le nuove generazioni”.

Il capogruppo della maggioranza Laura Rudilosso dichiara “Come capogruppo di maggioranza e come componente della commissione affari generali, sono soddisfatta del lavoro svolto insieme ai miei colleghi; con l’adozione del regolamento e con il lancio di questo progetto non solo vogliamo far conoscere il nostro piccolo centro ma pensiamo che sia anche un modo per salvare le abitazioni dell’abbandono e dal degrado e ridare vita a quartieri ormai vuoti per lo spopolamento avvenuto negli anni”.

Anche il capogruppo di minoranza Giuseppe Rampulla si dichiara soddisfatto del lancio “il progetto case ad un euro, trattato prima dalla commissione e poi approvato in consiglio è un progetto ambizioso ma realizzabile. Sono pervenute già diverse richieste di acquisto. Auspichiamo, adesso, che pervengano anche richieste di cessione da parte dei proprietari degli immobili. Difatti, la non cura di questi immobili potrebbe anche causare pericolo per l’incolumità pubblica e i principali responsabili di eventuali danni a persone o cose saranno i proprietari. L’accesso al progetto “case a 1 euro” non richiede particolari requisiti o vincoli che rendano difficile la realizzazione dei lavori. Questo porterebbe senz’altro ad una valorizzazione identitaria del paese, ma anche ad una valorizzazione di tipo culturale dal momento che le richieste pervenute giungono sia dall’Italia che da paesi europei ed extraeuropei. Fattivamente comporterebbe anche un incremento dell’economia locale dal momento che i lavori POTRANNO essere svolti da professionisti e maestranze locali.

Anche la consigliera indipendente Marzia Pappalardo si ritiene soddisfatta del lancio dell’iniziativa “Il progetto “case a 1 euro” nasce e coinvolge diverse regioni italiane dando una possibilità di rilancio per i piccoli borghi antichi da cui spesso si è costretti a fuggire per via delle scarse prospettive di un futuro. L’obiettivo è quello di generare l’attività economica attorno all’immobile, inducendo l’acquirente a ristrutturare lo stesso, e arricchendo la bellezza del borgo con nuovi prospetti esterni. Insomma, rimettere in piedi un panorama economico e sociale che non esiste quasi più. Si tratta di un progetto a lungo termine, che, ha come obiettivo la ripopolazione del paese, la riqualificazione e la ristrutturazione degli immobili ed ovviamente l’intento di avere nuovi cittadini che collaborano all’incremento dell’economia.”

Il Comune informa che oltre a poter consultare l’apposita sezione del sito internet dell’Ente, dove è possibile trovare ogni utile informazione in merito al progetto, ha messo a disposizione di tutti coloro i quali volessero informazioni sull’iniziativa “case a 1 euro” un indirizzo mail dedicato casea1euro@comune.pettineo.me.it al quale è possibile rivolgere le proprie domande o richiedere informazioni in merito.