Il papà di Gioele: “Grazie a chi l’ha trovato. Ho tanti dubbi sulle ricerche”

I resti del corpicino ritrovati ieri a Caronia sotto una fitta boscaglia. Il padre del piccolo Gioele: "Mio figlio ritrovato in 5 ore dopo 15 giorni di ricerche con 70 uomini esperti"

20 Agosto 2020 08:03

Lacrime e dolore. Un padre disperato e ancora tante incertezze sul perché della morte di Viviana Parisi e del figlio Gioele. I resti di un copro di bambino, che molto probabilmente sono compatibili con quello di Gioele, sono stati ritrovati ieri mattina da un volontario, è un ex carabiniere di Capo d’Orlando.

La tragica svolta in questa triste vicenda è arrivata dopo 16 lunghissimi giorni: i resti del piccolo Gioele sono stati trovati a 700 metri dalla zona dove l’8 agosto è stato scoperto il cadavere di sua madre, Viviana Parisi.

Per essere certi che si tratti del bambino sarà necessario effettuare l’esame del Dna. Quel che resta del corpicino, straziato dagli animali selvatici, è stato messo in una bara. Daniele Mondello non si dà pace e piange accasciato sulla bara.

E adesso il dj di Venetico punta il dito contro la macchina delle ricerche. «Cinque ore di lavoro di un volontario rispetto a 15 giorni di 70 uomini esperti mi fanno sorgere dei dubbi oggettivi sui metodi adottati per le ricerche.

 La mia non vuole essere una polemica – afferma sul proprio profilo Facebook -, ma la semplice considerazione di un marito e padre distrutto per la perdita della propria famiglia».. Daniele Mondello ringrazia tutti i volontari che si sono impegnati, ieri, nelle ricerche del figlioletto.

Il procuratore Angelo Cavallo: «Ora dobbiamo lavorare come abbiamo fatto fin’ora e andare a fondo a questa storia triste». «Ci siamo fatti delle ipotesi su quanto sia successo, se ne sono rafforzate alcune ne abbiamo scartate delle altre», aggiunge il procuratore . «Perdono quota – prosegue Cavallo – piste riconducibili ad ambiti familiari. Ma lasciateci lavorare e fare tutti i ragionamenti del caso. Molte ipotesi restano ancora in piedi dobbiamo lavorare e riflettere. L’autopsia verrà effettuata a breve».