Ex Province, per le elezioni si attende il pronunciamento della Consulta

Quattro giorni fa è scaduto il mandato dei sei commissari straordinari dei Liberi Consorzi Comunali nominati dal presidente della Regione siciliana lo scorso 30 gennaio e fino ad oggi non c’è traccia di nessuna notifica e alcun decreto di proroga degli attuali commissari o nuove nomine. Nel programma di governo del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e della maggioranza che lo sostiene fra i punti più importanti e sostenuti dalla coalizione di centro destra vi è proprio la reintroduzione delle Province e l’elezione diretta dei presidenti e dei consigli con un ampliamento delle competenze dell’ente.

L’Ars, nel mese di aprile di quest’anno, ha approvato il disegno di legge che ha previsto una data tra il 15 ottobre e il 15 dicembre sempre di quest’anno in cui svolgere proprio le elezioni per il presidente della provincia e i consiglieri provinciali. Intanto però era stato quindi deciso un rinvio per attendere il pronunciamento della Corte Costituzionale sulla legittimità dell’elezione diretta per Liberi Consorzi di Comuni e Città Metropolitane. E proprio nella giornata di ieri la Consulta ha affrontato il ricorso che è stato presentato dalla Regione siciliana contro l’impugnativa del governo nazionale sull’elezione diretta degli organi.

Giuseppe Cuva